mercoledì 4 marzo 2015

Ribelle Divino

"La grande corrente d’energia vivente che si manifesta nello schema evolutivo della Terra è condizionata da un temperamento, un atteggiamento e un orientamento propri di un “Ribelle Divino”. Solo la ribellione produce pena e dolore, ma essa è inerente e innata nella Divinità stessa del nostro pianeta, “Colui in Cui viviamo, ci muoviamo e siamo”.

... Le stesse condizioni che associano la Legge di Sacrificio alla sofferenza, al dolore e alle difficoltà, esistono anche su Marte e Saturno. Non esistono sugli altri pianeti. Chi ha letto e compreso La Dottrina Segreta e il Trattato del Fuoco Cosmico sa che la Terra non è un pianeta sacro. Tuttavia Saturno, Marte e la Terra, in un curioso modo esoterico, costituiscono la personalità di una stupenda Vita di Raggio la cui energia è del terzo raggio.

... Ciò che voglio far rilevare è difficile da esprimere, ma molto importante. Sarò più esplicito, con queste affermazioni:

  1. Soltanto tre schemi planetari hanno coscienza del dolore e della sofferenza nel senso in cui noi li intendiamo e nessuno lo conosce o sente tanto quanto il nostro Logos planetario.
  2. Dolore e sofferenza sono l’effetto della ribellione e dello scontento divini. L’istinto di migliorare, basato sull’insoddisfazione, ha coinvolto di necessità il temperamento o atteggiamento planetario che riconosce le dualità.
  3. La coscienza umana è destinata a raggiungere uno stadio in cui potrà e dovrà riconoscere ciò che sta oltre le dualità: l’unità essenziale.
  4. Quando ciò avverrà, la coscienza umana si fonderà con quella fondamentale del tutto, che non conosce né dolore né sofferenza ed è perciò sfuggita alla realizzazione che predomina nella coscienza delle tre grandi Vite del nostro sistema solare.
  5. Questa verità oscuramente percepita è alla base del pensiero metafisico superiore come quello della “Scienza Cristiana”, dell’”Unità”, della “scienza Divina”, nonché dell’importanza data dal Cristianesimo e dalle scuole esoteriche all’unificazione.

(Trattato dei Sette Raggi, Psicologia Esoterica, A.Bailey)




venerdì 25 luglio 2014

Il "tempo di raccogliere" ...


"Secondo la Legge dei Cicli, il primo semiciclo comincia e finisce nello stesso punto "medio":
 


e questa fine diventa l'inizio del secondo semiciclo. Il "tempo di disperdere" e' iniziato con la dispersione dell'unico prototipo dei popoli indoeuropei dal Medio Oriente, ed e' finito nel 2003 nello stesso punto con il coinvolgimento delle "parti" del ceppo iniziale nella guerra in Iraq. Il "tempo di raccogliere" comincia dall'adattamento reciproco di tutti i sottosistemi alla nuova condizione del loro funzionamento insieme; la forma e il ritmo di ogni sottosistema devono adattarsi al suo specifico ruolo nel sistema comune ..." ( "Coscienza e Realtà Fisica", articolo )

lunedì 12 novembre 2012

"ogni gruppo può essere un centro creativo"




 D.K.

   “ … ogni gruppo può quindi essere un centro creativo e produrre ciò che esprime le energie che lo governano e il pensiero indirizzato dei suoi membri. Dal punto di vista di Coloro che vegliano e guidano, ogni gruppo costruisce perciò qualcosa di relativamente tangibile e governato da determinate leggi di costruzione. La grande opera dei Costruttori procede senza sosta. Spesso le costruzioni sono rudimentali, inutili e senza forma o proposito, inutili agli dei e agli uomini. Ma il genere umano nel suo complesso sta entrando in un’epoca in cui la mente sarà un fattore potente; molti già imparano a tenerla ferma nella luce e perciò ricevono idee finora ignorate. Se si potrà riunire e fondere in sintesi appropriata un tale gruppo di menti, e se queste (nella loro meditazione individuale e quotidiana) si terranno focalizzate e orientate a ciò che è possibile apprendere, grandi concetti potranno essere afferrati e grandi idee intuite. Gli uomini possono esercitarsi, come gruppo, a pensare in esistenza manifesta le idee intuite del vero, del bello e del Piano, e così costruire una creazione di bellezza, incorporante un principio divino.
   Riflettetevi, cercate di rendervi ricettivi a queste idee, imparate a formularle in pensieri e a trasmetterle in modo che altri possano apprenderle. Questa è la natura della vera opera che i nuovi gruppi devono compiere, e gli studenti che oggi riescono a cogliere questa idea hanno l’opportunità di svolgere una parte di quest’opera d’avanguardia.”

(“Psicologia Esoterica”)

venerdì 19 ottobre 2012

Il Signore del Primo Raggio



   Esporremo ora il proposito di raggio nella forma usata in un antico insegnamento, serbato su fogli così vecchi che la grafia sbiadisce lentamente. Traduco in linguaggio moderno, anche se così facendo molto va perduto.

IL PRIMO PROPOSITO DELLA DIVINITÀ

I Raggio. Volontà o potere.
   Dietro il sacro sole centrale, celata nei i suoi raggi, sta una forma. Entro quella forma rifulge un punto di potere che ancora non vibra ma splende come luce elettrica.
   I suoi raggi sono veementi. Arde ogni forma, pure non tocca la vita di Dio incarnata.
   Dall’Uno che è i sette emana una parola. Essa riverbera lungo la linea d’essenza ignea e quando risuona nel cerchio delle vite umane assume la forma di affermazione, di un “fiat”, o parola di potere pronunciata. Così s’imprime sullo stampo vivente il pensiero di.... (il celato, inesprimibile nome di raggio).
   Che il potere dinamico, la luce elettrica, riveli il passato, distrugga la forma esistente e apra la porta d’oro. Quella porta rivela la via che adduce al centro ove dimora colui il cui nome non può essere udito nei confini della sfera solare.
   Il suo manto blu ne vela il proposito eterno, ma al sorgere e al tramontare del sole se ne scorge il globo rosso.
   La sua parola è potere. La sua luce, elettrica. La folgore ne è il simbolo. Il suo volere è celato nel segreto del suo pensiero. Nulla è rivelato.
   Se ne sente il potere. I figli degli uomini, reagendovi, lanciano agli estremi confini della luce una domanda: Perché questo potere cieco? Perché la morte? Perché il decadere delle forme? Perché la negazione del potere di trattenere? Perché la morte, o possente Figlio di Dio?
   Fioca giunge la risposta: Detengo le chiavi della vita e della morte. Io unisco e sciolgo. Io, il Distruttore, sono.
   Questo Signore di raggio non è ancora in piena espressione, tranne quando provoca distruzione e pone termine ai cicli. Le Monadi di potere sono assai meno numerose delle altre. Gli Ego sul raggio del potere sono invece relativamente più numerosi. Sono caratterizzati da una volontà dinamica e il loro potere in seno alla famiglia umana si esplica come forza distruttiva, ma in ultima analisi è una distruzione fonte di liberazione. Studiando gli ego e le personalità di primo raggio, vedremo che morte e distruzione sono sempre reperibili nella loro opera, e da ciò derivano l’apparente crudeltà e impersonalità delle loro reazioni. La forma non ha valore per i tipi di primo raggio; la loro energia ne causa la morte, ma genera grandi periodi di pralaya periodico; il primo raggio dirige il dramma della morte in ogni regno, una distruzione di forme che sprigiona potere e consente di “entrare nella Luce attraverso i cancelli della Morte”. Intento del Signore del primo raggio è di stare alle spalle dei Suoi sei Fratelli e, quando hanno conseguito il Loro fine, distruggere le forme che hanno costruito. Lo fa attraversando i Loro corpi con il Suo potere e il Loro sforzo concorde induce astrazione e ritorno al centro da cui emanò l’impulso iniziale. Proposito del primo raggio è dunque di dare la morte, e qualche idea ne può balenare studiando alcuni dei Suoi nomi:
Il Signore della Morte.
Colui che apre la Porta.
Il Liberatore dalla Forma.
Il Grande Astrattore.
L’Elemento del Fuoco, che produce frantumazione.
Colui che Cristallizza la Forma.
Il Potere che tocca e ritrae.
Il Signore del Terreno Ardente.
Il Volere che irrompe nel Giardino.
Il Rapitore d’Anime.
Il Dito di Dio.
Il Respiro che esplode.
La Folgore che annienta.
L’Altissimo.
   Le qualità e caratteristiche di questo Signore che libera possono essere colte dai sei aforismi seguenti che, secondo un’antica leggenda, i Suoi sei Fratelli gli rivolsero pregandolo di trattenere la mano fintanto che non avessero attuato i Loro fini:
1. Uccidi il desiderio quando ha compiuto l’opera sua. Tu sei colui che indica il compimento.
Qualità …………… visione chiara.
2. Cerca la maniera gentile, o Signore di Potere. Attendi tuo fratello sul sentiero dell’Amore. Egli costruisce le forme che possono resistere al tuo potere.
Qualità …………… potere dinamico.
3. Trattieni la mano finché non scocca l’ora. Poi concedi il dono della morte, o Apritore della Porta.
Qualità …………… senso del tempo.
4. Non stare solo, ma unisciti ai molti. Tu sei l’Uno, l’Isolato.Vieni fra i tuoi.
Qualità……… solitudine.
5. Conduci avanti i tuoi, ma impara a conoscerli. Non odiare l’attaccamento, ma vedine il piano e il proposito.
Qualità …………… distacco.
6. La vita pulsa attraverso te e il ritmo s’impone. La vita è tutto. Ama la vita in tutte le sue forme.
Qualità …………… unicità di proposito.
   Le sei qualità ora enumerate esprimono la forza di questo raggio quando fa sentire la sua presenza nel quarto regno della natura. Gli effetti sugli altri regni sono diversi, ma ci limiteremo al punto di vista dell’umanità. Il proposito del primo raggio, e suo compito principale, è di porre fine e dare morte a tutte le forme di ogni regno e su ogni piano. La Sua energia determina la morte di una formica come di un sistema solare, di un’organizzazione, di una religione o di un governo, di una razza o di un pianeta. Il Suo volere o proposito si attua mediante la legge di periodicità.”

(Trattato dei Sette Raggi, Vol. 1)

mercoledì 22 agosto 2012

"Sono parole troppo dure per voi?" (D.Kh.)


 D.Kh.

"È tuttavia importante ricordare che l’atteggiamento dell’iniziato che istruisce, o del maestro, è di completo distacco e d’impersonalità; egli è conscio della condizione e della luce dell’anima e dello stato mentale, ma non si cura delle vicende dell’aspirante sul piano fisico, né di educarne la natura emotiva e curarne lo sviluppo astrale. Gli aspiranti divengono maestri e adepti governando le loro faccende del piano fisico e le loro particolari idiosincrasie astrali. E devono farlo alla luce e con la forza delle loro anime. Noi che insegniamo infrangeremmo la legge e intralceremmo il loro progresso se volessimo indurre a forza delle condizioni che non si producono naturalmente. Inoltre, stimoleremmo troppo la loro natura inferiore.

Quando impareranno, gli aspiranti, che i maestri e i discepoli anziani che si curano di loro agiscono solo a livelli mentali e con l’anima? Quando capiranno che fintanto che non sono in contatto con la loro anima e non hanno imparato a dominare la mente, possiamo fare ben poco per loro? Ripeto, non ci interessano le personalità e le loro piccole questioni. Non abbiamo tempo né voglia di interferire nel modo di vivere giornaliero di un uomo. Perché dovremmo, se è stato già stampato e insegnato quanto basta per assorbire per molti giorni l’attenzione di chi aspira? Quando un uomo comincia a vivere come anima e quando la sua coscienza si è allontanata dal mondo dell’illusione, può essere di valido aiuto. La prima lezione che deve imparare è il senso dei valori nel tempo e nello spazio, e sapere che noi operiamo con le anime e non ci curiamo della personalità.

Sono parole troppo dure per voi? Se è così significa che siete ancora troppo concentrati su voi stessi e innamorati dell’anima individuale, con la quale non siete ancora abbastanza in contatto avendone forse percepito solo la vibrazione e null’altro. Non possedete ancora la vera visione delle necessità del mondo, che libera dall’ambizione e permette di lavorare come facciamo noi, dal lato soggettivo, senza alcun pensiero per il sé o per la felicità spirituale, senza desiderare missioni autoassegnate, senza anelare a scintillanti promesse di successi futuri, senza la dolente richiesta di un consolante contatto con coloro che possiedono una coscienza più vasta della nostra. Se questo supera ancora la vostra comprensione, riconoscetelo e rendetevi conto che non implica alcun rimprovero. Indica soltanto il punto in cui vi trovate e che l’illusione del piano astrale vi tiene ancora in schiavitù e vi induce ad anteporre le reazioni della personalità alla realizzazione di gruppo. Finché rimarrete su quel piano e a quel livello di coscienza, non sarà possibile attrarvi coscientemente nei gruppi dei Maestri ai livelli mentali. Siete ancora troppo distruttivi e personali; potreste nuocere al gruppo e provocare disturbo; a causa delle stimolazioni di gruppo vedreste le cose con una chiarezza alla quale non siete ancora pronti e ne sareste distrutti."

(Psicologia Esoterica, Vol. 1)

sabato 4 agosto 2012

nel vasto quadro degli avvenimenti futuri



 Maestro D.Kh.

   "La formazione e lo sviluppo di un gruppo di aspiranti consacrati, educati a lavorare insieme ed a rispondere all’unisono ad un insegnamento, rivestono vera importanza agli occhi di coloro fra noi che rispondono della preparazione del gruppo di discepoli mondiali che in un ciclo successivo agirà in libertà e con potenza.
   Voi non vedete che una piccola frazione del Piano. Noi ne vediamo l’evoluzione per una serie di vite future, e oggi cerchiamo chi sia suscettibile di imparare a operare in formazione di gruppo, per costituire una delle unità attive nel vasto quadro degli avvenimenti futuri … . Prepariamo in ogni luogo uomini e donne affinché divengano sensibili al Piano, alla vibrazione del loro gruppo, e quindi capaci di cooperare con intelligenza al proposito che si sta attuando."
(Maestro D.Kh., Psicologia Esoterica, Vol. 1)
 

lunedì 9 luglio 2012

"Breve è la storia umana, lunga è l'evoluzione della coscienza" (Agni Yoga)


   "… l'impulso cosmico che domina il corrente ciclo zodiacale di 26000 anni e' entrato sui Piani di Effetto circa 13000 anni fa, a cavallo tra l'età di Vergine e di Leone (Figura 1). Sul piano umano questo atto si e' esteriorizzato con l'inizio della diaspora degli ariani, l'antico prototipo dei popoli indoeuropei, sul continente eurasiatico. Questo e' descritto nella Bibbia come la storia di disunione di "un sol popolo" (Gn 11.6) alla Torre di Babele. 
Figura 1: Sette Regni della Natura e il campo di formazione del flusso-di-vita umano (a); i semicicli involutivo ed evolutivo della attuale razza Ariana nel corrente ciclo zodiacale (b).

   In base alla Legge (Il Trattato del Fuoco Cosmico, A.Bailey), qualsiasi inizio nel mondo della forma deve essere accompagnato da una fine corrispondente: questo esodo di ariani fu preceduto dalla scomparsa dell'ultimo residuo di Atlantide - l'isola Poseidonis descritta da Platone, affondata a causa di un terremoto. La gigantesca onda prodotta sommerse estese aree di Terra, avvenimento riflesso nel racconto biblico del Diluvio Universale (Gn 7.6). Sui Piani di Causa questi inizio e fine sono il binario indivisibile di un solo atto: la transizione dell'unico flusso-di-vita umano (Figura 1) dalla quarta razza Atlantidea alla attuale quinta razza Ariana.

   Il momento presente dell'avanzamento di questo flusso "rinnovato" lungo la ruota zodiacale e' critico. Dal punto di vista astronomico questo e' collegato con il fatto che esso sta attraversando la frontiera tra l'età di Pesci e di Acquario (Figura 1). Il semiciclo del "tempo di disperdere" finisce, e inizia il semiciclo del "tempo di raccogliere" (Qo 3.5). Insieme essi formano un solo ciclo di costruzione cosmica che la Gerarchia sta realizzando tramite la sua componente umana. Nel primo semiciclo il flusso-di-vita trasforma l'unità iniziale - il sistema dei quattro regni inferiori della Terra (Figura 1) - nella molteplicità dei sottosistemi nuovi e relativamente indipendenti. Nel secondo semiciclo il flusso unisce i sottosistemi da lui "vivificati". Il moderno fenomeno della globalizzazione e' l'inizio della stretta interazione dei sottosistemi nell'unico sistema planetario.
  
   Secondo la Legge dei Cicli, il primo semiciclo comincia e finisce nello stesso punto "medio" (Figura 2), e questa fine diventa l'inizio del secondo semiciclo. Il "tempo di disperdere" e' iniziato con la dispersione dell'unico prototipo dei popoli indoeuropei dal Medio Oriente, ed e' finito nel 2003 nello stesso punto con il coinvolgimento delle "parti" del ceppo iniziale nella guerra in Iraq. Il "tempo di raccogliere" comincia dall'adattamento reciproco di tutti i sottosistemi alla nuova condizione del loro funzionamento insieme; la forma e il ritmo di ogni sottosistema devono adattarsi al suo specifico ruolo nel sistema comune.” 
Figura 2: Schema del ritorno dell'impulso involutivo nel punto "medio" del sistema.

(Il quaternario exoterico del monoteismo: giudaismo, buddismo, cristianesimo e islam, Coscienza e Realtà Fisica (rivista russa), No. 3, V. 12, 2007, A.Pelmenschikov)

  ***
"120 - Nella storia dell’umanità è rivelata la grande battaglia al mutare delle razze; all’appello i guerrieri si armano.
La provvidenza guida le nazioni con la lotta; e voi, Miei guerrieri, proteggetevi con lo Scudo della Volontà Divina, e il Canto Divino sarà sempre con voi.

Prima del Diluvio, quando gli uomini celebravano nozze, facevano festa e commerciavano, Noè già sceglieva le querce migliori per l’arca.

121 - Accetta sorridendo le lezioni severe.”

(Agni Yoga, Foglie del Giardino di Morya I)

domenica 17 giugno 2012

i quattro punti della transizione del 2012: sintesi


1) ognuno trova “seme” sotto la sua “polpa” mortale, solamente il primo puo accomodare i raggi dell’Acquario, l’ultima è predestinata
2) il “seme” stabilisce rapporto con i “semi” del proprio gruppo tramite il meccanismo di “riconoscimento”
3) il “gruppo seme” inizia il suo movimento ritmico a spirale lungo l’asse dello Spirito
4) l’Acquario accetta il gruppo nel flusso della Sua esternalizzazione    


sabato 16 giugno 2012

le 2x2=4 proiezione del monoteismo esoterico: giudaismo, buddismo, cristianesimo ed islam


   Le età passate di Ariete e Pesci appartengono al semiciclo involutivo del corrente ciclo zodiacale di 26000 anni - al semiciclo della transizione unità→molteplicità. L'impulso unitario spirituale, entrando nel regno umano, si e' trasformato suddividendosi nelle molte religioni monoteistiche. Esso si e' esteriorizzato in modo più completo per mezzo delle quattro grandi religioni mondiali - giudaismo, buddismo, cristianesimo e islam - tramite il meccanismo di "caduta in due parti doppie":


Queste religioni rappresentano il quaternario exoterico dell'unico monoteismo esoterico delle età di Ariete e Pesci.
   Il risultato positivo di questo atto soprasistemico e' che la maggior parte dell'umanità e' unita in quattro gruppi, che definiscono il moderno processo storico. La mancanza più grande di questa unione e' che i rappresentanti di questi gruppi non riconoscono la unità esoterica delle loro dottrine religiose. Quindi, la religione e' diventata uno dei maggiori fattori di antagonismo umano.
   L'unificazione delle religioni e' solo una parte del processo di integrazione globale che l'Acquario sta iniziando. Il quaternario considerato fa parte del quaternario delle conoscenze umane - scienza, religione, filosofia e arte. La direzione principale della sintesi di questi ultimi e' l'unione delle conoscenze razionali (scienza e filosofia) con le irrazionali (arte e religione). Per cui la "forza movente" dell'unificazione delle religioni e' il processo più ampio della sintesi tra scienza, religione e filosofia.
   Come inizio "ufficiale" di questa sintesi sarebbe giusto accettare la data di pubblicazione nell'anno 1888 del libro di Helena Blavatsky intitolato - "Dottrina Segreta: Sintesi di Scienza, Religione e Filosofia". E' ovvio che la religione sintetizzata con scienza e filosofia non sarà più la "religione" nel senso comune di questa parola, poiché "non vi è religione superiore alla verità". Pulita e trasfigurata dallo stesso processo di sintesi l'esperienza religiosa diventerà la base cosmica etico-morale dell'umanità futura.             

venerdì 15 giugno 2012

quaternario exoterico del monoteismo esoterico

   Nelle età di Ariete e di Pesci l'impulso monoteistico poteva esternarsi solo attraverso il binario Occidente-Oriente della Eurasia, perché il binario analogo sud-occidentale della Terra, che la completa nel quaternario terrestre,


si trovava nella fase di introversione. Un'altra particolarità importante di queste età e' che il binario "estroverso" di Eurasia era una somma di due parti relativamente indipendenti - le civiltà occidentale ed orientale. In tali condizioni vi era una sola possibilità di espressione dell'impulso - ossia la sua esternazione tramite il meccanismo di "caduta" in due parti doppie (2x2=4):
Esso si distendeva nei due spazi, Occidente e Oriente di Eurasia, durante due età, Ariete e Pesci, producendo i suoi quattro "riflessi" complementari nell'umanità:


   Un solo impulso soprasistemico si trasformò nelle quattro religioni - giudaismo e cristianesimo in Occidente e buddismo e islam in Oriente. Alle due qualità riflesse nell'Occidente estroverso corrispondono le due qualità complementari riflesse nell' Oriente introverso:
1. Sul piano fisico, al controllo tramite le regole esteriormente imposte (Occidente, "Dio come Legge", giudaismo) corrisponde il controllo per mezzo delle regole interiormente comprese (Oriente, "Dio come Saggezza", buddismo).
2. Sul piano astrale, l'elevamento tramite l'amore al prossimo esteriormente espresso (Occidente, "Dio come Amore", cristianesimo) corrisponde l'amore al Dio interiormente impresso (Oriente, "Dio come Creatività", islam).



martedì 15 maggio 2012

non è importante il risultato ma lo sono i vostri sforzi


V.Polyakov, "L'Evoluzione della Coscienza"

“Non affannatevi, poiché state compiendo un lavoro spirituale. E non è importante il risultato ma lo sono i vostri sforzi: vi giudicheremo in base ad essi. Le persone devono vedere in voi i Nostri portavoce. Portate la Luce della Verità, non dell’ardore terreno. Non annebbiate la vostra Ragione con la lotta frenetica. Non è la quantità di voi che conta per Noi, ma la vostra Fede. Raccogliete i cuori, aprite i cuori! E questi saranno i vostri compagni di viaggio sulla la via lunga e spinosa, di cui si è solo all’INIZIO.” (01.04.95)

sabato 17 marzo 2012

21-23.03.2012: il punto 1 dell'entrata

Croce di Urano: 21-23.03.2012 - il punto 1 della Spirale dell'Anima - PROGRAMMA

"seme" (Spirito) e "terra" (personalità) si uniscono. uomo allinea il suo avanzamento con l’Asse dello Spirito 


sabato 3 marzo 2012

Tutto sarà posto sotto il dominio dell’uomo, ma egli non aspirerà a nulla

La Sesta Razza Radice (V.Polyakov, "L'Evoluzione della Coscienza")

“Si concluderà la catena dei secoli e nascerà la nuova Legge. E sarà questa la Legge della nuova Ronda. In esso non ci saranno i pianeti consueti ma ci saranno nuove figure appartenenti al consueto cielo. Sfreccerà una stella nel firmamento e lo suddividerà in Essere e Non-Essere. E chi farà a tempo a vederla, ebbene costui sarà salvato. Mentre gli altri saranno dispersi nella polvere e inizieranno tutto dalla fine. La ruota del tempo andrà a ritroso e inizierà a scandire non le ore ma gli attimi. Ed ogni attimo sarà un Epoca. Ed ogni Epoca riceverà un proprio Nome. E saranno 7 e 7 volte esse appariranno. E 3 apparizioni saranno alterate, mentre 4 si manifesteranno in tutta la propria forza.

Ed un magnifico fiorellino con 21 petali si schiuderà nel centro dell’ Universo. Ed esso sarà sontuoso e soave e fresco come gli astri autunnali. E cadranno i petali, uccidendo il corso del tempo, finché di essi non ne rimarranno che 3. Da essi nascerà il frutto che sarà destinato a diventare maturo nella nuova Genesi. E questo sarà l’Inizio dalla Fine e sarà l’Inizio senza la Fine ed esso sarà e Fine e Inizio”.  (V.Polyakov, 29.05.95)
 
“È spaventosa la caduta della dignità umana nel mondo! Ma tale è la fine del Kali Yuga. Solo pochissimi riescono a superare il piano della realtà visibile e capire quelle leggi che muovono gli eventi, e quindi gli uomini.” (E.Rerikh, 07.05.38)

“Sarebbe più corretto dire che sul nostro pianeta il ciclo del Kali Yuga si avvicina alla fine, e che ora siamo in una fase di transizione. Il Satya Yuga inizierà con l’affermarsi della sesta razza, i cui gruppi di individui sono già apparsi sulla Terra.” (E.Rerikh, 31.05.35)

“Mentre nell’ultimo quarto della nostra ronda, quando l’umanità sarà sufficientemente purificata da ottenere lo stato di densificazione astrale e raggiungere la sua spiritualità originaria attraverso l’apertura dei centri superiori — ma con un’intelligenza sviluppata e illuminata — essa concluderà il suo karma terrestre per quel particolare ciclo o ronda e lascerà la Terra per cominciare un nuovo ciclo di esistenza su un altro pianeta; oppure, dopo l’intervallo di oscuramento della Terra, l’umanità potrebbe continuare la sua evoluzione entrando nel nuovo ciclo terrestre, o quinta ronda.” (E.Rerikh, 21.01.36)

“La Sesta Razza accumulerà il potenziale energetico-spirituale di opposizione al male e sarà l’ascesa dello Spirito. Tutto sarà posto sotto il dominio dell’uomo, ma egli non aspirerà a nulla.” (V.Polyakov, 06.05.95)

lunedì 27 febbraio 2012

lo slancio del pensiero spirituale

Una volta ero da solo con Polyakov. Mi ha detto guardando sul disegno gerarchico di 7 livelli sul tavolo: “In passato hanno cercato e finora cercano Dio qui (ha puntato sul 7-o livello in alto). In futuro cercheranno qui (ha puntato sul “0” al incontro tra triangolo superiore e quello inferiore ... Il Figlio deve essere più grande del Suo Padre”.

“… E non consideratevi degli schiavi spirituali perché essi non esistono. Esiste lo slancio del pensiero spirituale, esiste il volo librato dell’Anima nella vastità illimitata della Purezza e della Luce. Ma non c’è e mai ci sarà il culto servile all’Altissimo. E se avrete pensieri negativi, scacciateli via perché questo è Satana che cerca di sedurvi.

E’ piacevole avere coscienza di sé quali schiavi dinnanzi all’Altissimo. Schiavi però muti, monchi, sterili.  Questi combattenti servono forse a nostro Signore?

Su di noi deve splendere la Luce della Ragione del Grande Creatore e nei cuori deve brillare il fuoco dell’Amore Universale, come tutto ciò che è dato da Lui.

Create in voi stessi l’Amore, portate con voi la Luce della Ragione. E si accenderà la Stella della Verità in ognuno di Voi. Andate e percorrete questa via assieme. E non inciampate sulla soglia della malignità e della sfiducia che vi insidiano. La Luce del Grande Creatore brillerà sulla vostra Via. Amen!”  (V.Polyakov, 26.05.95)

domenica 26 febbraio 2012

2012: Croce di Urano - la tecnologia dell'entrata nella 4-a dimensione

2012

Croce di Urano: 23.03, 22.06, 21.09, 22.12 - la tecnologia dell’entrata nella 4-a dimensione (da un messaggio di V.Polyakov, 13.02.2012)


o un giro annuale (2012) di Spirale dell’Anima lungo l’Asse dello Spirito (vedi la dinamica della 4-a dimensione)



sabato 25 febbraio 2012

guardate verso l’alto più spesso


“Prestate ascolto alla voce del vostro Cuore. Imparate ad ascoltare le voci dell’Universo. Perché in questo coro si trova la meravigliosa armonia del Pensiero perfetto del Creatore. E NELLA  COMPRENSIONE  DI  QUESTA  ARMONIA  E’  IL  SENSO  DELLA  VOSTRA  VENUTA. Tutto, altrimenti, perde di significato. Comprendete la grandezza del vostro compito! Preparatevi al duro lavoro purificatore ed iniziate questo cammino di elevazione partendo da voi stessi, attirando coloro che vi credono, coloro che sono già pronti a camminare con voi senza tenerli con le redini ma accompagnandoli per mano, passando attraverso tutte le prove di questo difficile Cammino.

E guardate verso l’alto più spesso per convincervi che siete effettivamente sulla retta via. Le stelle vi indicheranno questa via. Ed il Pensiero del Creatore delineerà la mappa tramite la quale voi identificherete la vostra rotta. Ma percorrete ogni strada senza alterare il vostro programma e sforzandovi di fondersi col’unico flusso di Luce che purifica il canale dell’Anima del Pianeta.”  (V.Polyakov, 14.06.95)


sabato 18 febbraio 2012

in essa sono Io e la Mia Parola


 “Sono giunto a te per affermare la Verità poiché la dovete creare voi. E portare la Mia Luce. E risvegliare i dormienti. E non inorgoglitevi di questa missione, perché in essa sono Io e la Mia Parola, che non si può alterare.

Sono vani gli sforzi della Tenebra, deboli le sue velleità perché i vostri cuori ardono del fuoco d’Amore del nostro Creatore, i vostri sguardi tendono a Lui, e le vostre forze sono nella forza del suo Amore. E generosamente Egli la diffonde su di voi, come sui suoi stessi figli, e perdona a noi tutti i nostri peccati perché il peccatore pentito è a Lui doppiamente caro.

Andate, Figli Miei, ed operate come vi verrà detto e come vi suggerirà il cuore, colmo d’Amore per il nostro Signore, Creatore e Signore di tutto l’Esistente.

Sia santificato il Suo Nome. Amen!”

(V. Polyakov, Messaggio di Gesù Cristo, 21.03.95)

lunedì 13 febbraio 2012

scrutare oltre il limite del possibile (V.Polyakov, "L'evoluzione della coscienza")


“… Voi temete di scrutare oltre il limite del possibile, mentre proprio lì iniziano le autentiche Conoscenze. Proprio lì il pensiero vola nella corrente straripante della Coscienza del Creatore. Solo lì inizia l’autentica creazione che forma e non imita, omnicomprensiva, non smembrante. E se presto lo capirete, allora potrete illuminare tutto con lo Spirito ed indirizzarvi con il pensiero verso l’illimitatezza della conoscenza. E questo non sarà un volo verso il nulla, ma un Percorso ripido e complesso di trasfigurazione verso la chiarissima Fonte che dà a tutto Origine e che include la fine del tutto. E voi comprenderete questo Circolo Eterno di Vita quando sarete vicini al suo stesso Creatore.” (14.06.95)


martedì 7 febbraio 2012

sette Razze Radice (schema)

la 6-a Razza (Acquariana), V.Polyakov

“La Sesta Razza accumulerà il potenziale energetico-spirituale di opposizione al male e sarà l’ascesa dello Spirito. Tutto sarà posto sotto il dominio dell’uomo, ma egli non aspirerà a nulla.” (06.05.95)

“Le costellazioni muteranno le proprie case. La struttura delle stelle cambierà. Esse si sposteranno verso un’altra parte del cielo e saranno rinominate. E tutto ciò non stupirà poiché tutto muterà la propria forma. Le materie si compenetreranno e si sovrapporranno l’una all’altra. Per volontà della Ragione si creeranno nuove forme e nuove sostanze. E tutto ciò che è vecchio verrà rinnegato.

E ciò non avverrà attraverso una conversione nella coscienza dell’umanità, bensì questa sarà la nuova coscienza della nuova umanità. E chi raggiungerà quella ipostasi? Coloro i quali passeranno al vaglio dell’energia e saranno in grado di trasformarsi in flussi energetici di ordine superiore. Questo sarà un percorso molto difficile e piuttosto lungo, poiché sarà necessario attraversare parecchi strati di purgatorio al fine di scorgere l’autentica Luce e fondersi con essa.

Ma ciò sarà il trionfo della Verità, il trionfo dell’Amore e la grandissima vittoria del Creatore sulla propria Ombra. Ed allora scorgeranno questa vittoria coloro i quali saranno degni di vederla.” (10.06.95)